SIGILLATURA DEI SOLCHI

SIGILLATURA DEI SOLCHI
0 26 febbraio 2019

COS’E’ E A COSA SERVE?

La struttura dei nostri denti richiama un po’ quella di un paesaggio montano; essi, infatti, sono costituiti:

  • CUSPIDI: rappresentano le “vette” ;
  • FOSSE: assimilabili alle “valli”;
  • SOLCHI: riconducibili al percorso di un fiume che dalle montagne scende verso le valli.

Tutto questo sistema serve a garantire la triturazione del cibo durante la masticazione, dove i denti maggiormente coinvolti sono i molari: le cuspidi si “ingranano” con le fosse dei denti antagonisti (opposti) per sminuzzare i pasti.

Questo processo può portare all’accumulo residui di cibo all’interno dei solchi, che risultano luoghi difficilmente raggiungibili dalle setole dello spazzolino, determinando lo sviluppo di carie.

COME CORRERE AI RIPARI?

La sigillatura dei solchi ne determina la loro “chiusura” con del composito (lo stesso materiale utilizzato per le otturazioni) altamente fluido, in modo tale che all’interno di essi non si venga più ad accumulare cibo ed evitando lo sviluppo di carie.

Questa procedura è attuata nella maggior parte dei casi, in maniera preventiva, nei bambini: essendo loro i soggetti maggiormente utilizzatori di zuccheri, si può “scongiurare” lo sviluppo di carie proprio con la sigillatura.

Dott.ssa Valentina Camilli