CARIE: COME SI SVILUPPA?

0 12 febbraio 2019

La carie è una patologia che colpisce i tessuti duri del dente (smalto e dentina), provocandone la loro graduale perdita. Si sviluppa dalla combinazione di una serie di fattori:

  • Dieta: alto consumo di zuccheri.
  • Microrganismi cariogeni: batteri presenti nel cavo orale che utilizzano gli zuccheri della nostra dieta per produrre sostanze che distruggono i tessuti duri del dente.
  • Fattore Tempo: quanto tempo hanno a disposizione questi batteri di utilizzare gli zuccheri assunti con l’alimentazione.
  • Cariorecettività: predisposizione allo sviluppo di carie della persona.

COSA SI FA? Il tessuto dentario cariato viene rimosso con appositi strumenti determinando la formazione di una cavità, che verrà successivamente riempita con del materiale apposito chiamato composito: si tratta di materiali altamente estetici che hanno oramai sostituito le “vecchie” otturazioni in amalgama (le cosiddette, “piombature”). ATTENZIONE: la carie può colpire anche i dentini da latte dei bambini che, se gravemente compromessi, possono creare problematiche al dente permanente che si trova sotto di essi prima della permuta. Quindi, GENITORI: evitare cibi altamente zuccherini per i propri figli, così come, per i più piccini, l’utilizzo di ciucciotti dolcificati con miele. È bene educare i propri figli all’igiene orale sin da p

0 14 marzo 2017

Il dentifricio è un prodotto finalizzato alla pulizia, alla manutenzione dell’estetica ed alla salute dei denti.

Assieme allo spazzolino viene utilizzato comunemente per promuovere l’igiene orale.

È importante notare che la maggior parte delle operazioni di pulizia vengono effettuate mediante l’uso meccanico dello spazzolino da denti, e non per l’attività del dentifricio.

COSA TROVIAMO DENTRO UN COMUNCE DENTIFRICIO?

  1. Acqua
  2. Sostanze abrasive: carbonato di calcio, fosfato di calcio diidrato o anidro, silici, silicati e gel silicati disidratati. Hanno azione pulente e lucidante.
  3. Materiali umettanti e lubrificanti: glicerina, sorbitolo e polietilenglicole. Hanno la funzione di trattenere l’umidità e di impedire l’indurimento del dentifricio a contatto con l’aria.
  4. Leganti ed addensanti: per prevenire la separazione degli ingredienti solidi da quelli liquidi, vengono utilizzati glicerina e derivati della cellulosa.

0 14 marzo 2017

Alcuni collutori, che molto spesso vengono utilizzati in maniera esagerata, hanno all’ interno un principio attivo molto forte e vanno per questo utilizzati per brevi periodi di tempo. Questo principio attivo è la clorexidina, un potente battericida che viene prescritto in caso di infiammazione gengivale del paziente  per una settimana massimo due, aiutandolo così ad abbassare la carica batterica nel cavo orale. Perciò  non deve esse utilizzato quotidianamente, altrimenti andrà ad alterare il colore dello smalto causando antiestetiche macchie sui denti che solo un igiene professionale potrà rimuovere. Per avere una bocca pulita quindi utilizzare spazzolino, filo interdentale o scovolino e tanto tanto olio di gomito.

Dott.ssa Valentina Rocchi

0 5 marzo 2017

I dentifrici whitening funzionano? Questa è una domanda che sentiamo spesso ma la risposta è no, non sbiancano i denti. Usandoli quotidianamente, avendo questi una leggera azione abrasiva,  vanno a rimuovere soltanto quella patina gialla causata dagli alimenti ma non le pigmentazioni estrinseche causate da fumo,caffè ecc. Questo tipo di macchie possono essere rimosse solo con una igiene professionale fatta  periodicamente ogni 6 mesi e solo dopo questa il dentifricio whitening  può svolgere il suo compito e cioé quello di mantenere il  “naturale ” colore dei denti. Per cambiare il colore del dente bisogna fare lo sbiancamento professionale che è tutta un’altra cosa infatti non si va ad agire meccanicamente ma chimicamente.

Dott.ssa Valentina Rocchi

0 3 marzo 2015

È caratteristico che in gravidanza si abbia un aumento di forme di gengivite e talvolta la comparsa di caratteristiche estroflessioni interdentali dette epulidi.Epulidi

Le epulidi crescono velocemente a partire dal terzo mese, e sono localizzate in genere sull’arcata dentaria superiore.

Si formano tra due denti, di solito vicino a quelli compresi nella zona fra i due canini.

La causa delle epulidi è multifattoriale, è ipotizzabile che sia necessario una concomitanza di cause e di fattori predisponenti nella genesi del quadro clinico.

Tra essi possiamo ricordare: la presenza di focolai infettivi a carico dei tessuti parodontali profondi e superficiali, il biotipo parodontale, le alterazioni fisiologiche ormonali (tipiche del periodo gravidico) e l’assunzione di alcune terapie farmacologiche sistemiche.

Le epulidi devono essere asportate solo qualora siano molto fastidiose o sanguinanti, infatti nella maggior parte dei casi regrediscono spontaneamente dal nono mese in poi.