Un semplice test per scoprire patologie del parodonto

Un semplice test per scoprire patologie del parodonto
0 6 febbraio 2015

Attenzione alla parodontite, che si manifesta con frequente sanguinamento gengivale, alitosi e sensazione di “allungamento” di un dente. Il problema è molto frequente. La forma più grave di malattia delle gengive che colpisce l’ancoraggio tra la radice del dente e la mascella e può portare alla perdita dei denti, potrebbe interessare almeno otto milioni di persone in Italia, più o meno l’8-10 per cento della popolazione adulta e un bambino su mille. Eppure esiste il sistema per scoprire precocemente il danno e quindi mettere in atto presto le misure che consentono di salvare un dente e di compromettere meno il portafoglio. Secondo Maurizio Tonetti, presidente della Società Italiana di Parodontologia e Implantologia c’è infatti un test del tutto indolore che permette al medico di capire se i sintomi sono legati ad un’alterazione superficiale e di poco conto delle gengive oppure se invece possono nascondersi situazioni in grado di portare alla perdita di denti. “L’indagine prende il nome di PSR e dà rapidamente ragione della necessità o meno di provvedere ad approfondimenti mirati e a terapie specifiche”, spiega l’esperto. Se una persona risulta negativa al test che mette in guardia sulla presenza di eventuali problemi gengivali profondi deve proseguire con il suo programma di protezione dei denti, che si costruisce attraverso una valida igiene orale, i controlli e la pulizia dei denti ogni sei mesi. Chi invece ha un risultato positivo del test dovrebbe essere studiato con grande attenzione dallo specialista perché a rischio di parodontite anche potenzialmente grave. Ovviamente una volta ottenuti i risultati di questo screening occorre procedere ad esami più mirati, come particolari controlli radiografici che danno informazioni sulla quantità di osso residuo attorno alle radici dei denti.